Imprese, accordo Marcegaglia - Gelmini: fondi per ricerca e innovazione

Una stretta di mano per la ricerca e l'innovazione. Grazie a un accordo tra la presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia e il ministro dell'Istruzione, Maria Stella Gelmini, saranno disponibili 1,4 miliardi di euro per progetti riguardanti ricerca e innovazione di imprese e universita'. E' quanto annunciato ieri dal  leader degli industriali nel corso di una conferenza stampa.
"Abbiamo visto il ministro Gelmini  -  ha spiegato Marcegaglia -  e abbiamo concordato un piano d'azione per destinare i fondi al sostegno dei progetti di ricerca e innovazione delle imprese. Ci sono delle cose che possono partire: ci sono 500 milioni dal Programma operativo nazionale (PON), sono fondi strutturali europei, per il bando sulla ricerca dell'industria. Questo progetto e' partito, 533 sono i progetti presentati da rete di imprese e centri di ricerca pubblici che coinvolgono 1.700 imprese e 200 centri di ricerca e universita' per grandi progetti strategici Sud-Nord, come proposto da Confindustria.
Le imprese hanno risposto e hanno terminato le selezioni, da meta' marzo e aprile potrebbe partire l'erogazione dei fondi. Ci sono, poi, 915 milioni di fondi per i distretti tecnologici e laboratori misti fermi al Cipe, auspichiamo che siano attivati velocemente".
Il leader degli industriali si e' poi soffermata sul piano di crescita economica appena approvato dal Consiglio dei ministri.
Positivo che si torni a parlare di crescita ma giudizio sospeso sui provvedimenti annunciati dal Governo. E' questo in estrema sintesi la sua opinione sui provvedimenti adottati per rilanciare lo sviluppo.
"Non e' con un Consiglio dei ministri che si fa la crescita-  ha dichiarato -  Si realizza con un programma complesso, un processo che non puo' fermarsi qui.  Sono iniziative che aprono processi. Dal nostro punto di vista hanno un impatto piuttosto limitato. La bassa crescita - ha aggiunto -  e' un problema di tutti: governo, opposizione, imprenditori e lavoratori. Ci deve essere collaborazione e anche pungolo per fare cose concrete. Siamo pronti a collaborare"
Le misure di ieri devono ancora essere riempite di contenuti. "Sulla parte piu' interessante, il pacchetto semplificazioni che prevede una serie di interventi su appalti, edilizia, urbanistica, documentazione d'impresa, il consiglio dei ministri non ha varato il decreto. Speriamo che sia attuato in 7-10 giorni". Le modifiche degli articoli della Costituzione secondo la Marcegaglia sono un fatto simbolico: "Anche importante, perche' affermano la liberta' d'impresa. Ma per avere un impatto sono necessarie leggi che concretizzino i cambiamenti".

A cura di : Maurizio Pezzuco
Fonte : Redazione OIPA Magazine

Cessioni del quinto Dipendenti

Cessione del quinto dipendenti

Cessioni del quinto Pensionati

Cessione del quinto pensionati

Delega su Stipendio Dipendenti

Delega sullo stipendio dipendenti

Richiedi preventivo cessione del quinto

Richiedi preventivo

Pronto Crediti | News

  • Il calo dei tassi in estate ha portato sui minimi non solo i costi dei nuovi mutui. Nel guinness sono finiti anche i mutui di surroga, scesi sotto la barriera dell'1%. Ecco le simulazioni sulla possibile riduzione delle rate

    Il calo dei tassi in estate e le ultime manovre espansive della Bce hanno portato sui minimi non solo i costi dei nuovi mutui. Nel guinness sono finiti anche i mutui di surroga, scesi sotto la barriera dell'1% (nell'esempio di un tasso fisso con loan to value non superiore al 60%).

  • Dal 1° gennaio 2020 l’Euribor, il tasso interbancario che interessa tutti coloro che stanno rimborsando un mutuo a tasso variabile, verrà calcolato in un modo nuovo. L’attuale (e per certi versi preistorico) sistema basato sulle telefonate (attraverso cui una ventina di banche di un panel europeo dichiarano a quali tassi si scambiano il denaro fra loro e da cui poi si ricava, come dato medio, l’Euribor) verrà rimpiazzato da un calcolo basato sugli scambi effettivi (e non più dichiarati). Da un sistema “fiduciario” si passerà a un criterio più scientifico per ottenere giornalmente il nuovo Euribor (sulle varie scadenze da 1 settimana a 12 mesi).

  • Dopo tre trimestri caratterizzati da una costante contrazione, il mese diDopo tre trimestri caratterizzati da una costante contrazione, il mese disettembre ha fatto segnare un’inversione di tendenza per le richieste dinuovi mutui e surroghe da parte delle famiglie italiane, con un aumentodell’1% rispetto allo stesso periodo del 2018. Lo rileva l’ultimo Barometrodi Crif sul credito.

  • Il calo dei tassi in estate ha portato sui minimi non solo i costi dei nuovi mutui. Nel guinness sono finiti anche i mutui di surroga, scesi sotto la barriera dell'1%. Ecco le simulazioni sulla possibile riduzione delle rate

    Il calo dei tassi in estate e le ultime manovre espansive della Bce hanno portato sui minimi non solo i costi dei nuovi mutui. Nel guinness sono finiti anche i mutui di surroga, scesi sotto la barriera dell'1% (nell'esempio di un tasso fisso con loan to value non superiore al 60%).

  • Dal 1° gennaio 2020 l’Euribor, il tasso interbancario che interessa tutti coloro che stanno rimborsando un mutuo a tasso variabile, verrà calcolato in un modo nuovo. L’attuale (e per certi versi preistorico) sistema basato sulle telefonate (attraverso cui una ventina di banche di un panel europeo dichiarano a quali tassi si scambiano il denaro fra loro e da cui poi si ricava, come dato medio, l’Euribor) verrà rimpiazzato da un calcolo basato sugli scambi effettivi (e non più dichiarati). Da un sistema “fiduciario” si passerà a un criterio più scientifico per ottenere giornalmente il nuovo Euribor (sulle varie scadenze da 1 settimana a 12 mesi).

  • Dopo tre trimestri caratterizzati da una costante contrazione, il mese diDopo tre trimestri caratterizzati da una costante contrazione, il mese disettembre ha fatto segnare un’inversione di tendenza per le richieste dinuovi mutui e surroghe da parte delle famiglie italiane, con un aumentodell’1% rispetto allo stesso periodo del 2018. Lo rileva l’ultimo Barometrodi Crif sul credito.

© 2019 Cessioni del Quinto.eu. Tutti i diritti riservati. Brand di Donato Rivoli - Promotore Creditizio di Credipass S.r.l. - Divisione MedioFimaa, Mediatore Creditizio, Iscrizione OAM n. M12

Dati Aziendali

CessionidelQuinto.eu è un brand registrato da Donato Rivoli (Consulente del Creditizio ed Assicurativo di Credipass - Divisione MedioFimaa). Qui ottieni una Consulenza Gratuita e non impegnativa per il tuo Prestito attraverso la Cessione del Quinto. Sviluppiamo diversi preventivi, grazie a molteplici accordi commerciali, proponendoti la Cessione del Quinto più competitiva.
Il Portale Cessioni del Quinto Lecce è integralmente dedicato ai Prestiti Garantiti, per Pensionati e Dipendenti Pubblici, Statali, Ministeriali, e privati, residenti nelle provincie di Lecce, Brindisi, Bari, Foggia e Taranto.

Area Contatti

INDIRIZZO

Via Regina Margherita,164 - 73057 TAVIANO (LE)

TELEFONO

(+39) 0833 913338 - 333 1296357

FAX

(+39) 0833 1850389

E-MAIL

info@cessionidelquinto.eu

WEB

http://www.cessionidelquinto.eu/