Bankitalia, nel 2017 oltre 30 mila ricorsi dei correntisti all'Abf

BANCA ITALIA 750x400Incremento del 42% rispetto al 2016 dei reclami presentati dai clienti agli istituti di credito. L'impennata per via dell'incremento delle lamentele sui contratti di cessione del quinto dello stipendio o della pensione. Le decisioni sono state 24 mila, +70% e hanno prodotto rimborsi per 19 milioni di euro

 

Nel 2017 i ricorsi ricevuti dall'Arbitro Bancario Finanziario (Abf) sono stati 30.644, +42% sul 2016. Le regioni con maggiore densità di ricorsi in rapporto alla popolazione residente sono Calabria, Campania, Sicilia. La materia quantitativamente più rilevante resta la cessione del quinto dello stipendio o della pensione (il 73% verte su questa materia). E sull'impennata dei ricorsi ha inciso proprio il forte incremento dei reclami relativi a questi contratti, e più in generale quello dei ricorsi relativi al credito ai consumatori (complessivamente pari al +52% nel 2017). Escludendo entrambe le fattispecie l'aumento è stato pari al 15%.

Ci sono però ampie differenze sul territorio: la cessione del quinto pesa per oltre l’80% dei ricorsi in Molise, Calabria, Sicilia, Campania, per meno del 60% in Trentino. Le questioni relative a bancomat e carte pesano per oltre il 10% in Toscana, Lombardia, Emilia Romagna, Piemonte e Trentino Alto Adige, per meno del 5% in Molise, Calabria, Sicilia, Sardegna

Le decisioni sono state 24 mila, oltre 70% in più rispetto all’anno passato grazie all’aumento della produttività e all'apertura nuovi collegi. Più del 77% dei ricorsi ha avuto un esito sostanzialmente favorevole al cliente con restituzioni di circa 19 milioni euro. Il grado di soddisfazione dei ricorrenti è stato misurato con un’indagine di customer satisfaction: in generale viene riconosciuto che l’accesso è semplice e trasparente e la motivazione del ricorso all'Arbitro è legata all'esigenza di ottenere un giudizio imparziale; solo il 35% di chi ha risposto ritiene che la durata della procedura sia adeguata.

Nel 2017 si sono tenute 390 riunioni dei collegi (220 nel 2016); quelli di Milano, Roma e Napoli hanno deciso in media 75 ricorsi a riunione, i collegi di più recente costituzione in media 43. L'avvio dell'operatività dei collegi di Torino, Bologna, Bari e Palermo ha determinato una redistribuzione delle regioni di competenza sulla base del domicilio del ricorrente. Il numero di ricorsi ricevuti dal collegio di Roma è rimasto pressoché stabile; sono invece diminuiti quelli pervenuti ai Collegi di Milano e di Napoli (-20 e -49%, rispettivamente). Verso i Collegi di Roma, Milano e Palermo è affluito il maggior numero di istanze.

L'Abf è un organismo indipendente e imparziale nei compiti e nelle decisioni, sostenuto nel suo funzionamento dalla Banca d'Italia. Il ricorso è deciso esclusivamente sulla base della documentazione prodotta dalle parti (ricorrente e intermediario) e non è necessaria l'assistenza di un avvocato.

Le decisioni dell'Abf non sono vincolanti come quelle del giudice ma, se l'intermediario non le rispetta, la notizia del loro inadempimento è resa pubblica.

Il cliente può ricorrere solo dopo aver cercato di risolvere la controversia inviando un reclamo scritto all'intermediario. Se la decisione dell'Abf è ritenuta non soddisfacente il cliente, l'intermediario o entrambi possono rivolgersi al giudice. Nei primi tre mesi del 2018 sono stati circa 8 mila, stabili rispetto al 2017.

Notizia redatta da milanofinanza.it

Cessioni del quinto Dipendenti

Cessione del quinto dipendenti

Cessioni del quinto Pensionati

Cessione del quinto pensionati

Delega su Stipendio Dipendenti

Delega sullo stipendio dipendenti

Richiedi preventivo cessione del quinto

Richiedi preventivo

Pronto Crediti | News

  • Cosa succede se una persona sta pagando un mutuo casa e contemporaneamente non riesce ad onorare un altro debito? La casa può essere pignorata? Vediamolo insieme.

  • In caso di default dell’istituto di credito che succede a chi ha debiti, un conto in rosso o un deposito in attivo?

    Chi non desidererebbe liberarsi dal proprio mutuo in un solo istante, magari per una (seppur improbabile) rinuncia della banca o a seguito di una sentenza di condanna del giudice o grazie a una grossa vincita al totocalcio! «Sogni» dirà qualcuno, ricordando che la realtà è fatta di debiti che non se ne vanno neanche dopo la morte. In un periodo di forte incertezza economica, da cui neanche le banche vanno immuni (prova ne sono i numerosi decreti governativi degli ultimi anni volti al salvataggio degli istituti di credito), c’è chi si chiede cosa succederebbe in caso di default del creditore.

  • E' il momento del back to school anche per i mutui che prospettano saldi da record. Se il mese di agosto è passato alla storia come uno dei più euforici sul fronte dei tassi, anche settembre non è da meno. Il crollo degli indici Eurirs che fino alle scadenze di 20 anni sono scivolati sottozero ha un impatto decisivo: chi stipula un mutuo a tasso fisso con banche che adottano la formula 'Eurirs + spread' e non quella del tasso finito, si vedrà per la prima volta calcolare il Tan (Tasso annuo nominale) attraverso la sottrazione dell’indice Eurirs allo spread. Questa notizia riguarda da vicino i mutuatari, sia quelli che si chiedono se stipulare un prestito ipotecario, ma anche tutti coloro che ne stanno già rimborsando uno e fanno bene a chiedersi se sia il caso di migliorarlo attraverso la porta della surroga.

  • Cosa succede se una persona sta pagando un mutuo casa e contemporaneamente non riesce ad onorare un altro debito? La casa può essere pignorata? Vediamolo insieme.

  • In caso di default dell’istituto di credito che succede a chi ha debiti, un conto in rosso o un deposito in attivo?

    Chi non desidererebbe liberarsi dal proprio mutuo in un solo istante, magari per una (seppur improbabile) rinuncia della banca o a seguito di una sentenza di condanna del giudice o grazie a una grossa vincita al totocalcio! «Sogni» dirà qualcuno, ricordando che la realtà è fatta di debiti che non se ne vanno neanche dopo la morte. In un periodo di forte incertezza economica, da cui neanche le banche vanno immuni (prova ne sono i numerosi decreti governativi degli ultimi anni volti al salvataggio degli istituti di credito), c’è chi si chiede cosa succederebbe in caso di default del creditore.

  • E' il momento del back to school anche per i mutui che prospettano saldi da record. Se il mese di agosto è passato alla storia come uno dei più euforici sul fronte dei tassi, anche settembre non è da meno. Il crollo degli indici Eurirs che fino alle scadenze di 20 anni sono scivolati sottozero ha un impatto decisivo: chi stipula un mutuo a tasso fisso con banche che adottano la formula 'Eurirs + spread' e non quella del tasso finito, si vedrà per la prima volta calcolare il Tan (Tasso annuo nominale) attraverso la sottrazione dell’indice Eurirs allo spread. Questa notizia riguarda da vicino i mutuatari, sia quelli che si chiedono se stipulare un prestito ipotecario, ma anche tutti coloro che ne stanno già rimborsando uno e fanno bene a chiedersi se sia il caso di migliorarlo attraverso la porta della surroga.

© 2018 Cessioni del Quinto.eu. Tutti i diritti riservati. Brand di Donato Rivoli - Promotore Creditizio di Credipass S.r.l. - Divisione MedioFimaa, Mediatore Creditizio, Iscrizione OAM n. M12

Dati Aziendali

CessionidelQuinto.eu è un brand registrato da Donato Rivoli (Consulente del Creditizio ed Assicurativo di Credipass - Divisione MedioFimaa). Qui ottieni una Consulenza Gratuita e non impegnativa per il tuo Prestito attraverso la Cessione del Quinto. Sviluppiamo diversi preventivi, grazie a molteplici accordi commerciali, proponendoti la Cessione del Quinto più competitiva.
Il Portale Cessioni del Quinto Lecce è integralmente dedicato ai Prestiti Garantiti, per Pensionati e Dipendenti Pubblici, Statali, Ministeriali, e privati, residenti nelle provincie di Lecce, Brindisi, Bari, Foggia e Taranto.

Area Contatti

INDIRIZZO

Via Regina Margherita,164 - 73057 TAVIANO (LE)

TELEFONO

(+39) 0833 913338 - 333 1296357

FAX

(+39) 0833 1850389

E-MAIL

info@cessionidelquinto.eu

WEB

http://www.cessionidelquinto.eu/