Aumenta ancora l'età per andare in pensione: tutti i requisiti

Mentre il Parlamento discute di progetti di riforma delle pensioni, tornando ad ipotizzare anticipo dell'uscita dal lavoro e diverse forme di flessibilità, arriva la doccia fredda dell’Inps: dal 2016 si andrà in pensione a 66 anni e 7 mesi, una rimodulazione "necessaria a non far collassare il sistema previdenziale visto l'innalzamento dell'aspettativa di vita" - ha detto il neo presidente Tito Boeri.

 

pensione 36716

Nei giorni scorsi in commissione Lavoro si sono esaminate diverse proposte di revisione della normativa vigente in tema di requisiti pensionistici, che hanno portato l’ente guidato da Cesare Damiano ad avviare non solo una profonda riflessione, ma anche un’indagine conoscitiva per mettere in luce eventuali disparità di genere emerse con la legge Fornero. L'obiettivo sarebbe da una parte quello di acconsentire al pensionamento anticipato – pur con l’applicazione di un malus per gli anni precedenti al minimo anagrafico – e, insieme, garantire il mantenimento in vigore fino al 2018 dell’opzione donna, ossia quella corsia preferenziale per lavoratrici di specifici settori di lasciare anzitempo il mondo del lavoro per ottener l’assegno previdenziale.

Tuttavia l'Inps ha prefeito non attendere gli esiti della discussione politica emandando intanto la propria circolare, che conferma il progressivo aumento dei requisiti minimi per l’accesso alla pensione, così come disposto dalla stessa norma varata dal governo Monti a fine 2011.

COME CAMBIANO I REQUISITI - Se dunque non cambiasse nulla in sede legislativa nelle prossime settimane, a partire dal prossimo 1° gennaio 2016 entreranno in vigore i nuovi limiti per accedere al trattamento previdenziale.
Dal 01/01/2016, il parametro anagrafico per maturare il diritto alla pensione di vecchiaia sarà 66 anni e 7 mesi di età, fermo restante il raggiungimento di 20 anni di anzianità contributiva; tali requisiti sono applicabili agli iscritti all’assicurazione generale obbligatoria (Ago) dei lavoratori dipendenti ed alle forme sostitutive ed esclusive della medesima, nonché ai soggetti appartenenti alle gestioni speciali dei lavoratori autonomi ed alla Gestione Separata Inps.

Invece, per le lavoratrici, sono presenti condizioni differenti, in rapporto alla gestione di appartenenza:
– per le dipendenti private, iscritte all’Ago ed alle forme sostitutive della medesima, i requisiti d’età saranno pari a 65 anni e 7 mesi nel 2016 e 2017, per poi saltare a 66 anni e 7 mesi nel 2018;
– le dipendenti pubbliche passeranno subito, invece, all’età di 66 anni e 7 mesi, essendo già parificate, dal 2012 al parametro previsto per i dipendenti privati;
– le lavoratrici autonome dovranno avere, nel 2016 e 2017, 66 anni e 1 mese d’età, che passerà, pareggiandosi con gli altri soggetti, a 66 anni e 7 mesi nel 2018.

In alternativa, sarà possibile andare in pensione mediante il requisito minimo contributivo, che dal 2016 diventerà pari a 42 anni e 10 mesi per gli uomini e 41 anni e 10 mesi per le donne.

Fonte: QuiFinanza

Cessioni del quinto Dipendenti

Cessione del quinto dipendenti

Cessioni del quinto Pensionati

Cessione del quinto pensionati

Delega su Stipendio Dipendenti

Delega sullo stipendio dipendenti

Richiedi preventivo cessione del quinto

Richiedi preventivo

Pronto Crediti | News


    Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/mhd-01/www.cessionidelquinto.eu/htdocs/modules/mod_scroll_feed/tmpl/defaultFeed.php on line 106
  • In una settimana 70 domande al Fondo Gasparrini e la società Consap che gestisce la moratoria diffonde i primi chiarimenti sulle modalità di accesso alla moratoria

    Per la moratoria sui mutui prima casa adibiti ad abitazione principale nei primi cinque giorni sono arrivate già 70 domandea Consap, la controllata del ministero dell’Economia che gestisce il fondo per la sospensione delle rate, per un controvalore impegnato di quasi 54mila euro (dati dal 30 marzo al 2 aprile incluso). Non moltissime, ma le banche che raccolgono le istanze in queste ore hanno chiesto molte precisazioni e, chi non aveva già utilizzato il fondo, ha dovuto accreditarsi sulla piattaforma informatica di Consap richiedendo le credenziali via email.


  • Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/mhd-01/www.cessionidelquinto.eu/htdocs/modules/mod_scroll_feed/tmpl/defaultFeed.php on line 106
  • Dopo l’annuncio con le linee guida contenute nel decreto liquidità, ora è possibile inviare il modulo di richiesta per i prestiti da 25000 euro per l’emergenza covid 19. Vediamo come funziona la procedura, quali sono i requisiti e gli interessi che si applicano.

    I prestiti in questione, va ricordato, sono garantiti al 100% e possono arrivare fino a un massimo di 25000 euro. La misura ad hoc è stata pensata dal governo per aiutare le imprese a fronteggiare la crisi scatenata dall’emergenza covid 19. Più nel dettaglio, il prestito può essere concesso a piccoli imprenditori e professionisti, ma anche agli artisti, categoria che spesso viene dimenticata.


  • Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/mhd-01/www.cessionidelquinto.eu/htdocs/modules/mod_scroll_feed/tmpl/defaultFeed.php on line 106
  • Rubinetti chiusi
    Solo 6 lavoratori su 100 hanno ricevuto l’anticipo della cassa integrazione dalle banche. E non va meglio per i prestiti garantiti al 100% dallo Stato in favore delle piccole e medie imprese: a fronte di 165 mila richieste pervenute, dal 17 marzo al 13 maggio al Fondo di Garanzia, solo il 6,2% sono state accolte e liquidate. Scenari che i Consulenti del Lavoro avevano anticipato già a partire da aprile e che, a distanza di un mese, trovano conferma nel sondaggio «Il ruolo delle banche nelle misure a sostegno di imprese e lavoratori», predisposto dalla Fondazione Studi Consulenti del Lavoro, tra gli iscritti all’Ordine, per valutare le difficoltà operative e procedurali per l’erogazione dei sostegni al reddito e l’accesso ai prestiti garantiti previsti dal «decreto Liquidità».

    Richiedi ora un prestito ( tasso approvazione del 97% )


  • Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/mhd-01/www.cessionidelquinto.eu/htdocs/modules/mod_scroll_feed/tmpl/defaultFeed.php on line 106
  • In una settimana 70 domande al Fondo Gasparrini e la società Consap che gestisce la moratoria diffonde i primi chiarimenti sulle modalità di accesso alla moratoria

    Per la moratoria sui mutui prima casa adibiti ad abitazione principale nei primi cinque giorni sono arrivate già 70 domandea Consap, la controllata del ministero dell’Economia che gestisce il fondo per la sospensione delle rate, per un controvalore impegnato di quasi 54mila euro (dati dal 30 marzo al 2 aprile incluso). Non moltissime, ma le banche che raccolgono le istanze in queste ore hanno chiesto molte precisazioni e, chi non aveva già utilizzato il fondo, ha dovuto accreditarsi sulla piattaforma informatica di Consap richiedendo le credenziali via email.


  • Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/mhd-01/www.cessionidelquinto.eu/htdocs/modules/mod_scroll_feed/tmpl/defaultFeed.php on line 106
  • Dopo l’annuncio con le linee guida contenute nel decreto liquidità, ora è possibile inviare il modulo di richiesta per i prestiti da 25000 euro per l’emergenza covid 19. Vediamo come funziona la procedura, quali sono i requisiti e gli interessi che si applicano.

    I prestiti in questione, va ricordato, sono garantiti al 100% e possono arrivare fino a un massimo di 25000 euro. La misura ad hoc è stata pensata dal governo per aiutare le imprese a fronteggiare la crisi scatenata dall’emergenza covid 19. Più nel dettaglio, il prestito può essere concesso a piccoli imprenditori e professionisti, ma anche agli artisti, categoria che spesso viene dimenticata.


  • Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/mhd-01/www.cessionidelquinto.eu/htdocs/modules/mod_scroll_feed/tmpl/defaultFeed.php on line 106
  • Rubinetti chiusi
    Solo 6 lavoratori su 100 hanno ricevuto l’anticipo della cassa integrazione dalle banche. E non va meglio per i prestiti garantiti al 100% dallo Stato in favore delle piccole e medie imprese: a fronte di 165 mila richieste pervenute, dal 17 marzo al 13 maggio al Fondo di Garanzia, solo il 6,2% sono state accolte e liquidate. Scenari che i Consulenti del Lavoro avevano anticipato già a partire da aprile e che, a distanza di un mese, trovano conferma nel sondaggio «Il ruolo delle banche nelle misure a sostegno di imprese e lavoratori», predisposto dalla Fondazione Studi Consulenti del Lavoro, tra gli iscritti all’Ordine, per valutare le difficoltà operative e procedurali per l’erogazione dei sostegni al reddito e l’accesso ai prestiti garantiti previsti dal «decreto Liquidità».

    Richiedi ora un prestito ( tasso approvazione del 97% )

© 2019 Cessioni del Quinto.eu. Tutti i diritti riservati. Brand di Donato Rivoli - Promotore Creditizio di Credipass S.r.l. - Divisione MedioFimaa, Mediatore Creditizio, Iscrizione OAM n. M12

Dati Aziendali

CessionidelQuinto.eu è un brand registrato da Donato Rivoli (Consulente del Creditizio ed Assicurativo di Credipass - Divisione MedioFimaa). Qui ottieni una Consulenza Gratuita e non impegnativa per il tuo Prestito attraverso la Cessione del Quinto. Sviluppiamo diversi preventivi, grazie a molteplici accordi commerciali, proponendoti la Cessione del Quinto più competitiva.
Il Portale Cessioni del Quinto Lecce è integralmente dedicato ai Prestiti Garantiti, per Pensionati e Dipendenti Pubblici, Statali, Ministeriali, e privati, residenti nelle provincie di Lecce, Brindisi, Bari, Foggia e Taranto.

Area Contatti

INDIRIZZO

Via Regina Margherita,164 - 73057 TAVIANO (LE)

TELEFONO

(+39) 0833 913338 - 333 1296357

FAX

(+39) 0833 1850389

E-MAIL

info@cessionidelquinto.eu

WEB

http://www.cessionidelquinto.eu/